In punta di Penna - Sanguigna cm 35 x 35Lamberto
Con una lieve Nota
in punta di penna..
sei volato via..
Ciao Maestro di vita
Ciao cugino
Gianni

 

Essere artista é una grande responsabilitá, richiede un adattarsi continuo alle richieste della gente. Il fossilizzarsi in alcuni principi non lo si permette ad un artista, i metodi per presentare l’arte, debbono essere sempre al passo con la storia, perchè la storia gli è d’aiuto e altrettanto deve disfarsene quanto gli siano di impedimento.

Il preconcetto che l’arte sia verosimiglianza ossia imitazione, esteriore, della natura è vecchio quanto il mondo, dico esteriore per distinguerla dalla profonda imitazione della vita che è di tutti gli artisti d’ogni tempo e paese, che non è più imitazione, ma piuttosto rappresentazione fantastica della realtà.

Primavera Romana - Olio su Tela cm 70 x 50Se ciò che ci detta il cuore
può essere poesia,
allora anche il tocco di un pennello
deve essere considerato tale,
poichè la scala dei colori è cosi’ alta
tanto da farci immaginare il paradiso
…e perchè la mano che dipinge
appartiene ad un uomo con un cuore grande.
Claudia

 

Non parlo del pubblico in massa, disorientato a tal punto dinanzi a certa anche eccellente arte moderna, da doversi qualche volta chiedere chi dei due, tra lui e l’artista, sia fuori dal mondo… Sono persone praticamente insensibili al fatto artistico e solo attenti alle rispondenze dell’arte con la realtà.

D'Apres Van Gogh - Olio su tela cm 70 x 50Tutti i grandi maestri specie i più moderni hanno tenuto in grande stima ed hanno praticato gli esercizi di studio d’arte adattati anche per le persone le quali non possono generalmente disporre di molto tempo. Gli esercizi d’arte quindi si fanno per vincere se medesimo e ordinare la propria vita, onde non affezionarsi a cose alcune che impedisca di raggiungere il proprio fine. Insomma tutte quelle persone che hanno un sincero desiderio di perfezione trovano nella pratica degli esercizi dei grandi maestri un mezzo efficacissimo di procurarsi il piacere di vivere nell’arte.

Nelle nostre conversazioni con le persone del mondo, nei viaggi, etc, alla fine, senza accorgercene ci troviamo uguali anche nel modo di giudicare le cose. Eppure noi siamo fatti per vivere in società, svolgere un’azione sociale per rendere il mondo migliore.

L’artista deve vivere nel mondo senza essere del mondo.